Articolo profetico di due settimane fa (Da Calcio GP)

Di Amedeo Giordano da Calcio GP del 16 Maggio

Serve qualità. Parole, parole, parole, che finalmente in casa Juve sembrano tramutarsi in fatti. Sono ben 5 anni di insoddisfazioni e sbagli di mercato. Una svolta è di dovere. La proprietà fa il braccino corto e quindi largo ai parametri zero. Quelli forti questa volta. Il primo nome di indiscussa qualità di cui si parla da settimane è quello di Andrea Pirlo. Di certo con lui il problema non sono i piedi ma “se sta in piedi”. Spesso sopravvalutato, nell’ultimo anno ha fatto più infermeria che campo. Casualità? La speranza, se venisse alla Juve, è quella di un recupero totale di forma. C’è chi dice sia vecchio. Ma scherziamo? Pirlo compie 32 anni il 19 Maggio. Escludendo paragoni con calciatori immortali che la Juve conosce bene in quanto il suo Capitano Alessandro Del Piero (36 anni) continua a correre come un ragazzino, ci sono molti giocatori che proprio dopo i 30 hanno dato il meglio. E non bisogna nemmeno scavare nel passato. C’è Xavi del Barcellona che ha quasi un anno in meno di Pirlo e tuttora è acclamato come il migliore nel suo ruolo. Pirlo, dopo aver vinto tutto col Milan e un Campionato del mondo con la Nazionale di Lippi, può avere gli stimoli giusti per vincere ancora. Altri 2 anni ad altissimi livelli può farli. La Juve non deve più pensare a progetti. Come disse tempo fa un certo David Trezeguet “alla Juve non si parla di progetti, ma di vittorie”. I Bianconeri non possono più aspettare; devono vincere subito. Basta scommesse, prestiti, comproprietà e scarti di altri. Bisogna puntare su campioni affermati. Pirlo a parametro zero è un affare. Non è certo il super colpo di mercato che ci si aspettava. Ma in confronto a Montolivo, a un riscatto del deludente Aquilani, e altri nomignoli che ruotano in orbita Juve, bisogna dire che Pirlo è oro. Insieme a un incontrista che corre tanto e può duettare con le sue invenzioni, sarebbe il top per un centrocampo che può tornare a dettare legge. Pensare a un top player da affiancare a Pirlo è una mossa che si deve fare. Al suo fianco meglio un duro come Melo che uno molle come Aquilani. Semmai Sissoko. Perché non tentare il recupero del maliano anche grazie allo stimolo di giocare con più Campioni? Da non dimenticare Marchisio che con Pirlo potrebbe trovare la condizione giusta per esprimersi al meglio e sfruttare i suoi inserimenti per altri goal fantastici. Insomma Pirlo sistemerebbe il centrocampo Juventino. I “se” sono solo sulla condizione fisica. Non è poco ma con la giusta preparazione, toccando ferro e quant’altro, non dovrebbero esserci problemi. Alla Juve i problemi sono ben altri. E in campo attualmente sono giusto un paio i calciatori coi piedi buoni. Pirlo può fare la differenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: